Prima edizione del torneo “Coppa Ago” in ricordo di Agostino di Bartolomei

È questa la grandezza del suo discorso silenzioso che ancora ci parla: ha confuso i pronomi. E la cosa più bella non è che tutto questo si ripete continuamente, ma è  la speranza che tutto questo possa ripetersi. Agostino non dev’essere un discorso già fatto, ma il discorso da fare. Ago vive quando se ne parla e nell’esempio che ha dato. Ago vive ogni volta che si fa rivivere, ma non deve essere una moda o un fatto scontato. Ago vive non tanto quando oggi ne celebriamo un compleanno che per forza ci fa male, ma nei ragazzini che al Torneo Agostino Di Bartolomei a giugno dell’anno scorso si sono messi a cantare “oh Agostino! Ago-Ago-Ago-Agostino go” insieme con i ragazzi della Sud che stavano al campo Di Bartolomei. Agostino rivive nei fiori che i ragazzi hanno dato alla moglie Marisa. Ago rivive nei fiori, soprattutto in quelli senza vaso.

Agostino-Di-Bartolomei-2

Ago vive nella bandiera che Franco Tancredi ha sventolato sotto la Sud nel giorno della hall of fame, nella commozione di Francesco Totti e Daniele De Rossi nel giorno in cui a Trigoria è stato inaugurato il campo Agostino Di Bartolomei. Vive nel nome di quel campo e in tutti i campetti senza nome, soprattutto in quelli di periferia dove regna ancora “amicizia e aiuto reciproco” e si prende a pallonate l’indifferenza. Agostino c’è stato prima e dopo perché continua a esserci anche adesso che non c’è più. Agostino di Bartolomei è stato e ci ha portato al punto più alto quando quella notte di maggio del 1984 è diventato luce e con quella maglietta bianca ci ha portato in vantaggio contro il Liverpool. Allo Zenit e poi ne abbiamo visto il tramonto. È stato come aver visto il Sole scegliere di morire. Dieci anni dopo. E questo è l’errore, il nostro, non il suo. Di tutti.

E allora forse scrivere e dire che Agostino Di Bartolomei ha amato la Roma persino più della sua vita, che sicuramente per la Roma ci ha vissuto, che quella mattina di merda ha lasciato una foto della Sud contro il Liverpool con un volo di colombe, che un tifoso della Roma non lo deve dimenticare mai, che deve riuscire a capire come e quanto ci ha dato, sarà forse un errore, ma è l’unica cosa che possiamo e che soprattutto dobbiamo fare.

Anche perché al suo confronto ci potevamo solo sbagliare.

Sei stato troppo amore Ago.

Auguri Capitano mio».

Così la Roma, tramite le parole di Tonino Cagnucci, ricorda Agostino Di Bartolomei capitano del secondo scudetto giallorosso.

“Auguri Ago, Capitano mio” perché per la sud sarà sempre il Capitano dei capitani, parte di Roma e della Roma, la stessa dalla quale a un certo punto è stato separato senza separarsene mai del tutto. Agostino Di Bartolomei la Roma ce l’ha sempre avuta a cuore, lo stesso cuore che non ha retto la solitudine e l’indifferenza nella quale il mondo che lo aveva reso grande ad un certo punto ha smesso di cercarlo e di volerlo. Il vuoto, nel quale si è ritrovato, l’ha risucchiato fino a renderlo fragile e solo al punto da convincersi che a colmare quell’immenso vuoto ci fosse soltanto una soluzione: una pallottola sparata dritta al petto. Avrebbe compiuto 61 anni se solo non fosse andata così quel lontano 30 maggio di ventidue anni fa, eppure, nonostante il tempo trascorso da quel tragico giorno, il mondo del calcio si stringe ancora all’unisono di un ricordo potente tanto quanto il suo tiro.

Per commemorare l’anniversario della nascita, oggi,  Tor Marancia si è disputata la prima edizione del torneo “Coppa Ago”, in palio la “Junior Cup” conquistata da Agostino con la scuola Borromini nel 1972 ad appena 18 anni, coppa ritrovata negli archivi del Borromini stesso. Protagonisti due licei: Il Caravaggio (che ha inglobato il Borromini) e il Socrate. Il vincitore del torneo custodirà la coppa fino al prossimo anno.

Annunci

La “Coppa Ago” Di Bartolomei ai ragazzi del liceo Socrate

Di Bartolomei

Il ricordo di Agostino di Bartolomei torna a vivere sul campo dei suoi primi passi. Al Wellness town di Tor Marancia, che ai tempi si chiamava Omi, è stata assegnata ieri la prima “Coppa Ago”, giocata nel 61esimo anniversario della nascita del campione scomparso 22 anni fa. Un’idea nata dopo il ritrovamento negli archivi della scuola frequentata da Di Bartolomei da ragazzo, il Borromini, di una coppa vinta da lui e dalla sua classe nel ‘72. Davanti a alcuni ex compagni e al presidente del Municipio, Catarci, il trofeo è stato messo in palio tra due licei, il Caravaggio – che ha assorbito il vecchio Borromini – e il Socrate. In campo con divise regalate dalla Roma, il Socrate ha vinto per 1-0 partita e coppa. Che tra un anno sarà rimessa in palio nel nome di Ago.

Socrate Boys

La Coppa Ago

La squadra vincitrice

‘Coppa Ago’, prima edizione del torneo dedicato a Di Bartolomei

coppa-ago

Venerdì 8 aprile 2016, nel giorno del compleanno del mitico e compianto capitano della Roma, Agostino Di Bartolomei, avrà luogo la prima edizione del torneo ‘Coppa Ago’ in memoria del grande giocatore.

A partecipare all’evento – oltre ai due istituti scolastici che si incontreranno sul campo, il Caravaggio e il Socrate di Roma – anche la famiglia e gli amici di Ago. Patrocinato dall’VIII Municipio, il torneo si svolgerà alle 12 sul campo ‘Wellness Town’ di via Livio Agresti 13.

“Agostino Di Bartolomei – spiega una nota sul sito del Comune di Roma – è stato uno studente del Liceo Scientifico Statale ‘F. Borromini’, disputò e vinse la coppa Roma Junior Club 1972. Il trofeo è attualmente conservato presso l’istituto artistico Caravaggio.

La scuola avrebbe desiderato riconsegnare la Coppa alla famiglia Di Bartolomei, ma la famiglia stessa ha chiesto di metterla di nuovo in palio in memoria del giocatore “su quello stesso campo in cui Agostino giocò con la squadra giovanile del quartiere”.